La nuova agenzia è stata varata il 6 ottobre scorso.

Si tratta di una buona notizia che aspettavo da tempo: finalmente una risposta comunitaria ed organizzata ad un problema che palesemente non può più essere delegato ai singoli stati membri. La notizia è doppiamente buona nel caso dell’Italia, che con tutte le sue coste ha finora sopportato la maggior parte della pressione migratoria via mare (insieme alla Grecia, ovviamente).

Così dovrebbe essere: libera circolazione all’interno dell’Europa, controlli serrati ai suoi confini. Alla nuova Agenzia i miei auguri di buon lavoro, che di sicuro non manca…

Fonte: europa.eu